benefit aziendali e stipendio - informazioni utili da conoscere | Timevision

LO STIPENDIO

Lo stipendio è la retribuzione fissa del prestatore di lavoro continuato e subordinato.
È definito su base mensile e comprende anche i giorni di riposo secondo le disposizioni contenute nei CCNL (contratti collettivi nazionali di lavoro stipulati a livello nazionale per ciascun settore economico tra la parte datoriale e le organizzazioni sindacali).

Gli elementi che compongono la retribuzione sono elencati in busta paga e distinti in:

  • stipendio diretto, collegato alla prestazione resa;
  • stipendio indiretto, non direttamente connesso alle ore lavorate ma spettante per effetto del verificarsi di eventi particolari e/o previsione contrattuali (es. tredicesima mensilità, ferie, malattia, permessi, ecc.);
  • stipendio differito, che matura periodicamente ma viene corrisposto a posteriori (in genere il TFR – trattamento di fine rapporto).

La retribuzione stabilita dal CCNL di riferimento rappresenta lo “stipendio lordo” al quale è necessario applicare le dovute trattenute fiscali (es. IRPEF) e previdenziali (INAIL e INPS) per calcolare lo “stipendio netto”.

L’IRPEF viene trattenuta ogni mese dal datore di lavoro a titolo di ritenuta d’acconto, insieme alle addizionali comunali e regionali (ogni anno in sede di trasmissione del modello di dichiarazione dei redditi vengono effettuati i necessari conguagli).I contributi previdenziali vengono versati in parte dal prestatore di lavoro, mediante trattenuta in busta paga, ed in parte dal datore di lavoro.

I BENEFIT AZIENDALI

Ai sensi dell’articolo 2099 c.c. il prestatore di lavoro può essere retribuito anche mediante la concessione in uso di beni e servizi aziendali, i cosiddetti fringe benefit.
I fringe benefit costituiscono un’integrazione complementare alla retribuzione principale in denaro. Si tratta di agevolazioni che rientrano nel cosiddetto welfare aziendale, pensate per migliorare la salute e lo stile di vita dei lavoratori, ma capaci di effetti positivi sulla stessa produttività aziendale.

I benefit più comunemente utilizzati dalle imprese riguardano:

  • l’utilizzo di cellulari aziendali;
  • la concessione dell’alloggio (ad esempio nei casi del portiere di uno stabile o del custode di un’azienda);
  • l’uso di un’autovettura aziendale (ad esempio quando il prestatore di lavoro riveste mansioni nell’area commerciale/vendite);
  • sconti sui prodotti e servizi dell’impresa;
  • assistenza sanitaria integrativa (l’azienda stipula accordi con fondi sanitari integrativi grazie ai quali i lavoratori possono effettuare visite specialistiche ed esami medici beneficiando di sconti e agevolazioni);
  • sconti e convenzioni con palestre, centri benessere, centri sportivi;
  • la possibilità di ricevere quote di azioni o partecipazioni dell’impresa (stock option);
  • la flessibilità lavorativa (alcune aziende permettono ai dipendenti di seguire un orario di lavoro più flessibile o di lavorare da casa un giorno a settimana consentendo loro di conciliare al meglio lavoro e vita privata);
  • corsi di formazione e aggiornamento, che hanno inoltre il vantaggio di contribuire al know how aziendale.

NEGOZIARE LO STIPENDIO

Negoziare la propria retribuzione richiede attente valutazioni.
Da un lato è necessario effettuare una stima realistica del proprio valore, tenendo conto delle competenze possedute nonché dell’esperienza maturata.

D’altro canto è fondamentale prendere in considerazione la realtà socio-economica ed aziendale in cui si è calati: i dati più recenti sullo stipendio per una determinata posizione di lavoro secondo il grado di esperienza (profilo junior o senior), la situazione finanziaria e la politica di produttività dell’impresa, etc.

Non bisogna mai sottovalutarsi o svendersi; tuttavia non è pensabile prescindere dalle caratteristiche del contesto, del settore e dell’organizzazione in cui si lavora o si intende lavorare.
Consapevoli delle proprie capacità ed esigenze nonché dei vincoli e delle difficoltà che pone l’ambiente esterno, in fase di negoziazione della retribuzione, non va mai assunto un atteggiamento rigido, ma è importante mostrarsi sempre disponibili a trovare una soluzione conveniente per entrambe le parti.

Alan McCarthy, esperto americano di negoziazione, fornisce cinque consigli utili per negoziare lo stipendio:

  1. Negoziare solo quando serve: non chiedere continuamente vantaggi, ma valutare in modo onesto e oggettivo quando, grazie ai risultati conseguiti ed al contributo dato alla produttività aziendale, ci si può considerare meritevoli di un aumento di stipendio;
  2. Osare ma non troppo: proporre una retribuzione adeguata rispetto alle proprie competenze, senza esagerare né riducendo le proprie aspettative prima ancora di iniziare la trattativa;
  3. Provare ad andare oltre la prima offerta: non accettare la prima proposta per evitare di trasmettere al proprio datore di lavoro l’idea di sottovalutare il valore delle proprie competenze
  4. Imparare l’arte del silenzio: sapere ascoltare ed essere in grado di esprimere le proprie motivazioni in maniera semplice, diretta, sintetica;
  5. Essere riservati: evitare di divulgare sul luogo di lavoro i contenuti ed i dettagli della trattativa creando attriti inutili e mettendosi in cattiva luce con il datore di lavoro.

Chiedi informazioni

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

Autorizzo al trattamento dei dati personali ai sensi del Regolamento EU 2016/679 ed in conformità alle prescrizioni del D.Lgs. 196/03 e s.m.i. per le seguenti finalità:
  • Ricevere informazioni
  • Essere contattato a mezzo mail e/o telefono
  • Condividi questo contenuto con i tuoi amici!