Fondi interprofessionali: la marcia in più per imprese e lavoratori

//Fondi interprofessionali: la marcia in più per imprese e lavoratori

Fondi interprofessionali: la marcia in più per imprese e lavoratori

In questo momento storico, definito 4° Rivoluzione Industriale, in cui l’industria è diventata 4.0, la formazione continua è, più che necessaria, imprescindibile. Un’industria ad alta componente tecnologica e innovazione dal passo inarrestabile acuisce la già presente polarizzazione all’interno del mercato del lavoro. Questo gap causa crescenti diseguaglianze a sfavore dei lavoratori con basso livello di scolarizzazione, che rischiano il deterioramento delle competenze e l’espulsione dal mercato del lavoro.

I Fondi paritetici interprofessionali per la formazione continua, costituiti e gestiti dalle parti sociali, rappresentano oggi il sistema di regolazione e gestione della formazione continua nazionale.

Con l’adozione dell’approccio bilaterale, secondo cui la formazione non è più intesa come interesse solo delle imprese, ma viene considerata area di interesse comune tra impresa e lavoratore, ci si prefigge l’obiettivo principale di soddisfare il diritto al lavoro delle persone e la competitività delle imprese e quello conseguente di intercettare e rispondere alla domanda sociale di formazione con l’intento di prevenire l’obsolescenza delle competenze.

La costituzione dei Fondi interprofessionali risponde alle esigenze di innovazione dell’Industria 4.0 e a quelle dei lavoratori che mai come in questo momento storico ne viene riconosciuta l’interconnessione. L’aggiornamento continuo rispetto alle competenze specialistiche e quelle trasversali rappresenta la condizione che garantisce occupabilità ai lavoratori e imprese più competitive.

Istituiti con la Legge 388/2000, i Fondi interprofessionali sono organismi di natura associativa promossi dalle associazioni di rappresentanza delle imprese e dei lavoratori, che si alimentano con il contributo obbligatorio dello 0,30% sulla disoccupazione involontaria versato dalle imprese all’Inps. Un fenomeno di rilevanza significativa per estensione e importi: i sei principali Fondi interprofessionali autorizzati dal Ministero Fondimpresa, For.Te, FondoFba, Fonarcom, Fondirigenti e Fondir, cui aderiscono cinquecentomila imprese, per sette milioni e centomila lavoratori impiegati, dispongono di un budget per pagare la formazione nel 2018 di quasi cinquecento milioni di euro.

Fonte Il Fatto Quotidiano

Chiedi informazioni

Il tuo nome (richiesto)

Il tuo cognome(richiesto)

La tua email (richiesto)

Cellulare

Il tuo messaggio

Autorizzo al trattamento dei dati personali ai sensi del Regolamento EU 2016/679 ed in conformità alle prescrizioni del D.Lgs. 196/03 e s.m.i. per le seguenti finalità:
  • Ricevere informazioni
  • Essere contattato a mezzo mail e/o telefono
  • Condividi questo contenuto con i tuoi amici!