green

Elaborato da Fondazione Impresa, l’osservatorio sulla Piccola Impresa che annualmente scatta un’istantanea della Green Economy in Italia, ovvero il modello di sviluppo economico che tiene conto anche dell’impatto ambientale e dei potenziali danni creati dall’intero ciclo di trasformazione.

La classifica così stilata, analizza i principali settori che interessano l’economia sostenibile: i settori legati all’energia, all’agricoltura, al turismo, alla mobilità e alla gestione dei rifiuti.

I risultati dell’indagine mostrano alcuni squilibri, distribuiti tra Nord e Sud ma anche alcune eccellenze, tra cui il Trentino Alto Adige, primato determinato dall’ossequio delle politiche legate alla riqualificazione energetica e al corretto smaltimento dei rifiuti delle numerose imprese certificate. Al secondo posto le Marche, grazie al record per potenza fotovoltaica installata per il maggior numero di punti vendita di prodotti biologioci. Terza la Valle d’Aosta grazie alla metà di emissioni prodotte rispetto alla media italiana e alla qualità delle imprese sparse sul territorio.

Seguono Abruzzo, Basilicata e Calabria; chiudono la classifica il Lazio e la Sicilia a causa delle mancanze di una seria politica sulle rinnovabili e sulla raccolta e gestione dei rifiuti.

In particolar modo quest’ultima è una tematica molto dibattuta in Europa e di conseguenza in Italia. Difatti, con la sentenza n. 52773/2014 la Corte di Cassazione, ha confermato un orientamento rigoroso in tema di reati per illecita gestione dei rifiuti, in coerenza con i principi generali del diritto comunitario che, assegnando priorità assoluta alla tutela della salute umana e dell’ambiente, contrastano con vigore gli effetti nocivi del trattamento e del deposito non autorizzato dei rifiuti.

Da qui l’esigenza per le imprese di dotarsi di responsabili tecnici di gestione rifiuti, che ponga in in essere, in maniera continuativa ed effettiva, azioni dirette ad assicurare la corretta organizzazione nella gestione dei rifiuti da parte dell’impresa nel rispetto della normativa vigente e di vigilare sulla corretta applicazione della stessa.

Se ti interessa questo campo e ti piacerebbe diventare tu stesso un esperto del trattamento dei rifiuti, ti segnaliamo il corso completo per diventare Responsabile tecnico impresa gestione rifiuti finalizzato a formare tecnici in grado di gestire aziende del comparto ambientale e servizi ecologici, pubbliche o private iscritte all’Albo dei Gestori Ambientali.

Per sapere di più su questa professione fondamentale nell’organigramma aziendale, vai alla portale tecnico che intende essere una guida pratica per chi lavora nell’ambito.

Condividi questo contenuto con i tuoi amici!