Alle soglie del WEB 2.0, il turismo è stato uno dei primi a recepirne positivamente le innovazioni che hanno drasticamente cambiato le dinamiche comunicative e le opportunità di fare business di molti scenari economici.

In particolar modo i portali web come Trip Advisor, i portali di prenotazione come Booking.com o i Social Media sono il luogo dove gli operatori turistici possono pubblicizzare le strutture e le peculiarità dei territori, ma anche lo spazio aperto dove  gli stessi viaggiatori possono vagliare la proposta di viaggio che meglio soddisfa le proprie esigenze ed aspettative, gestire la prenotazione e mantenere un’interazione con la struttura scelta.

Sono cambiate le necessità di un settore economico, come quello del turismo, in forte espansione  favorendo la nascita di nuove figure professionali capaci di fornire competenze specialistiche per la realizzazione di servizi web efficienti ed efficaci. Per citarne alcune:

Channel Manager: si occupa della gestione dei canali commerciali e di comunicazione dell’azienda;

Web Analyst: analizza e interpreta le modalità di navigazione degli utenti per studiare strategie di miglioramento delle performance di un sito web o di una campagna online;

SEO (Search engine optimizer): studia e analizza l’indicizzazione di differenti siti web sui motori di ricerca sui quali è possibile sviluppare delle tecniche di ottimizzazione, nonché costruisce le campagne di e-marketing;

Community Manager: si occupa della gestione dei contenuti e delle comunità virtuali le quali permettano di porre attenzione allo sviluppo della reputazione online.

Condividi questo contenuto con i tuoi amici!