ASSEGNO DI RICOLLOCAZIONE

L’assegno di ricollocazione (AdR) è uno strumento che aiuta le persone a migliorare le proprie possibilità di ricollocarsi nel mercato del lavoro e consiste in un importo da utilizzare presso i soggetti che forniscono servizi di assistenza intensiva personalizzata per la ricerca di occupazione (centri per l’impiego o enti accreditati ai servizi per il lavoro).

La persona destinataria dell’assegno può scegliere liberamente l’ente da cui farsi assistere.  Il centro per l’impiego o l’operatore accreditato scelto assegna un/a tutor che affianca la persona attraverso un programma personalizzato di ricerca intensiva per trovare nuove opportunità di impiego adatte al suo profilo.

L’importo dell’assegno viene riconosciuto non alla persona disoccupata, ma all’ente che fornisce il servizio di assistenza alla ricollocazione e solo se la persona trova lavoro. L’importo varia da un minimo di 250 euro ad un massimo di 5.000 euro, a seconda del tipo di contratto alla base del rapporto di lavoro e del grado di difficoltà per ricollocare la persona disoccupata (profilo di occupabilità).

Le tipologie di contratto per le quali si riconosce l’esito occupazionale sono il tempo indeterminato, compreso l’apprendistato, il tempo determinato, maggiore o uguale a 6 mesi (3 mesi per Campania, Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia).

Con il debutto dell’assegno di ricollocazione lo scorso anno i disoccupati percettori di Naspi dovevano presentare domanda registrandosi al sito dell’Anpal.

A partire dal 29 gennaio 2019 non è più possibile richiedere nuovi assegni di ricollocazione per i lavoratori in Naspi disoccupati da almeno 4 mesi (ADR Naspi). Infatti, il decreto-legge 4/2019 (all’articolo 9, comma 7) dispone la sospensione fino al 31 dicembre 2021 dell’erogazione dell’assegno di ricollocazione ai soggetti di cui all’art. 23, comma 1, del decreto legislativo 14 settembre 2015, n. 150. Tuttavia gli AdR Naspi già richiesti prima del 29 gennaio 2019 continueranno secondo le regole, le modalità operative precedentemente stabilite (mediante il regolare accesso con proprie credenziali al portale ADR Naspi), sino al termine del periodo di assistenza intensiva previsto. Al riguardo, restano valide le indicazioni per i soggetti erogatori circa le modalità provvisorie per il riconoscimento dei contributi.

Con la Legge di Bilancio 2018, in materia di ammortizzatori sociali in costanza di rapporto di lavoro ha introdotto l’Assegno di ricollocazione (AdR) per CIGS cassa integrazione guadagni straordinaria . Con questa norma, in pratica, i lavoratori occupati in azienda in crisi possono chiedere all’ANPAL l’assegno di ricollocazione in anticipo. Ciò supporterà il richiedente ad essere ricollocato in maniera più efficace nel mercato del lavoro.

Come funziona l’AdR CIGS?

L’accordo di ricollocazione, in origine previsto soltanto per i titolari di NASpI superiore a quattro mesi, è stato introdotto per diminuire i licenziamenti al termine della CIGS; questo nei casi di riorganizzazione ovvero di crisi aziendale per i quali non sia espressamente previsto il completo recupero occupazionale.

Si tratta, in particolare, di una nuova conclusione della procedura sindacale in caso di richiesta del trattamento di integrazione salariale straordinario. In pratica, la procedura di consultazione si conclude con un accordo che preveda un piano di ricollocazione, con l’indicazione degli ambiti aziendali e dei profili professionali a rischio di esubero.

La nostra professionalità al tuo servizio!

Time Vision è Agenzia per il Lavoro abilitata alla sperimentazione dell’Assegno di Ricollocazione  tramite un servizio che prevede:

  • L’affiancamento di un tutor.
  • La realizzazione di un programma di ricerca intensiva nella nuova occupazione.
  • Presentazione di un’offerta di lavoro congrua.

Nel dettaglio il servizio di Assistenza intensiva nella ricerca attiva di lavoro si compone di:

  1. Assistenza alla persona e tutoraggio finalizzato ad assistere in modo continuativo il soggetto in tutte le attività necessarie alla sua ricollocazione, attraverso l’assegnazione di un tutor, la definizione e condivisione di un programma personalizzato per la ricerca attiva di lavoro;
  2. Ricerca intensiva di opportunità occupazionali finalizzata alla promozione del profilo professionale del titolare dell’ADR verso i potenziali datori di lavoro, alla selezione dei posti vacanti, all’assistenza alla preselezione, sino alle prime fasi dell’inserimento in azienda.

 

Per avere maggiori informazioni contattaci ai numeri 081 394 10 97 / 081 871 53 96 o compila il form di seguito per essere contattato da un nostro esperto

Il tuo nome (richiesto)

Il tuo cognome(richiesto)

La tua email (richiesto)

Cellulare

Il tuo messaggio

Autorizzo al trattamento dei dati personali ai sensi del Regolamento EU 2016/679 ed in conformità alle prescrizioni del D.Lgs. 196/03 e s.m.i. per le seguenti finalità:
  • Ricevere informazioni
  • Essere contattato a mezzo mail e/o telefono
  • domande frequenti timevision