COLLOQUIO DI LAVORO: Come prepararsi al meglio per diventare il candidato “ideale”

//COLLOQUIO DI LAVORO: Come prepararsi al meglio per diventare il candidato “ideale”
Condividi questo contenuto con i tuoi amici!

Come prepararsi al meglio per un colloquio di lavoro e diventare il candidato ideale

Il colloquio di lavoro

Hai elaborato un curriculum vitae interessante ed efficace, hai finalmente attirato l’attenzione di un recruiter aziendale e sei stato contattato per un colloquio conoscitivo, bene! E ora? Ora ti attende il “banco di prova”, il momento fondamentale nel quale “giocare bene le tue carte” e dimostrare al selezionatore che sei proprio tu la nuova risorsa umana di cui è alla ricerca, il candidato perfetto!

 

Come prepararsi ad un colloquio lavoro

La strategia principale è apparire decisi e preparati: riflettere in anticipo sulle informazioni da fornire, provando ad elaborare risposte a voce alta. Inoltre, stabilisci un feeling con persone appena conosciute, mostra un buon senso dell’umorismo e cordialità,ti permetteranno di abbattere le barriere ed affrontare il colloquio con uno spirito sereno.

 

Colloquio di lavoro: le domande frequenti

Sebbene il colloquio di lavoro èqualcosa di unico, alcune domande possono essere ritenute “standard”, si ripetono per posizioni e contesti di lavoro diversi. Fornire una risposta adeguata ed interessante costituisce già un buon punto di partenza.

Scopriamo insieme quali sono le domande frequenti:

-Presentazione libera di sé stessi

Il nostro consiglio è preparare e un discorso introduttivo su di sè e sulla propria carriera formativo-professionale che ripercorre a “grandi linee” solo gli aspetti che enfatizzano l’adeguatezza del tuo profilo con quello ricercato dall’azienda.

-Punti di forza e di debolezza

Il nostro consiglio è fornire una risposta definita, sincera ma “ragionata”. E’ importante mostrare di essere consapevoli non solo dei nostri punti forza ma anche, e soprattutto, dei propri difetti professionali. Occorre un’autocritica personale preventiva e la formulazione di una risposta adeguata a valorizzare la propria capacità di gestire i punti critici, i tentativi di neutralizzarli. In quanto ai tuoi pregi è più semplice, basta sottolinearli nell’esposizione e fornire esempi concreti in cui sono stati rilevati.

-Motivazione al lavoro

“Perché vuole questo lavoro?”, “Perché vorrebbe lavorare con noi?” Dimostra di essere sicuro di volere proprio quel lavoro e fornisci motivazioni al riguardo.Trasmetti l’idea di essere seriamente interessato alla posizione: esprimi il desiderio di far parte del team aziendale!

-Dedizione al lavoro

Il nostro consiglio è mostrare, nelle risposte e con la giusta “grinta” il proprio legame con il lavoro, la passione sottesa, l’importanza della sfera lavorativa nella propria vita.

-Esperienze professionali e non solo

Oltre ad elencare le principali esperienze professionali che caratterizzano il proprio profilo, soffermandosi sugli aspetti legati al ruolo oggetto del colloquio, è importante spostare l’interesse del selezionatore sui propri successi professionali, menzionando anche le caratteristiche personali più interessanti, come la puntualità, l’affidabilità e la volontà di imparare.

-Domande da porre

Se ti viene chiesto se hai domande inerenti la posizione di lavoro proposta o l’azienda in questione cosa rispondi? Il nostro consiglio è di porre domande pertinenti, interessanti, che denotano “curiosità proattiva” in linea con il lavoro proposto.

 

Tipi di colloquio

Non esiste un’unica tipologia di colloquio di lavoro, né un’articolazione schematica e ripetitiva rigida ma tipi di colloquio diversi che, in ogni caso, possono essere personalizzati dal recruiter.

Analizziamo insieme i principali:

-Il colloquio individuale

Metodologia attraverso la quale i selezionatori pervengono ad una conoscenza approfondita del candidato, una sorta di “interrogatorio” che non si caratterizza solo per una batteria di domande e risposte ma anche per la somministrazione di test volti a rilevare la capacità di esecuzione di compiti e la personalità del candidato.

-ll Colloquio di gruppo

Riguarda soprattutto aziende strutturate e costituisce un primo colloquio conoscitivo. Si contraddistingue per le domande generiche dei selezionatori e per l’input a dinamiche di interazione di gruppo osservate e valutate dai recruiter in maniera critica.

-Colloquio telefonico

Tipologia di colloquio scelto generalmente da alcune aziende per un primo vaglio di candidature o in situazioni di distanza geografica del candidato dalla sede aziendale. In questi casi il consiglio è scegliere un luogo tranquillo ed avere a portata di mano il proprio cv, con risposte chiare e concise per fare una buona impressione.

 

Esito colloquio di lavoro

Generalmente non conoscerai l’esito del tuo colloquio di lavoro in maniera immediata ma solo in un periodo successivo, più o meno breve a seconda delle necessità aziendali. Non resta che attendere l’esito del colloquio dopo tradizionale frase “le faremo sapere”…in bocca al lupo!

News correlate:

Chiedi informazioni

Il tuo nome (richiesto)

Il tuo cognome(richiesto)

La tua email (richiesto)

Cellulare

Il tuo messaggio

Autorizzo al trattamento dei dati personali per comunicazioni relative ai temi di formazione, consulenza e lavoro, in conformità alle disposizioni del Regolamento UE 2016/679 (GDPR) e secondo le prescrizioni del D.Lgs.196/03 così come modificato dal D.Lgs. 101/2018.

3 Aprile 2018|